Recensioni/Reviews

Thomas Kohlruß su BABYBLAUE-SEITEN.DE - 24/12/2013

L.E.S. sind aus Florenz und bestehen aus den Herren Fabio Lazzeri, Michele Ermini und Lamberto Salucco. Gemeinsam wollen die Drei Musik in einem Mix aus Rock, Ambient und Elektronik machen. “Metempsicosis” ist dabei schon das dritte Album der Formation (die beiden vorigen sind mir allerdings unbekannt). An “Metempsicosis” haben L.E.S. mit Unterbrechungen sieben Jahre gearbeitet.

Die Geschichte hinter “Metempsicosis” hat sich Sänger Ermini ausgedacht. Es geht um einen Mann, der seine Freundin ermordet und anschließend Selbstmord begeht. Es beginnt eine düstere Geschichte um Schuldbewusstsein und Sühne, in deren Verlauf der Mörder mehrfach (sozusagen einmal pro Song) wiedergeboren wird und abstruse Erlebnisse hat.

Das klingt verrückt und wirr. Nicht ganz so wirr und verrückt ist die Musik geraten, aber sicherlich auch nicht „einfach“. Das Ergebnis kann sich aber hören lassen. Es muss nicht immer Italo-Prog oder Progmetal in der Dream Theater-Nachfolge sein, wenn es um italienische Bands geht. Vielmehr stricken L.E.S. einen eigenwilligen Cocktail aus schleppenden Rhythmen, flirrenden Gitarrenpassagen, sirrenden Keyboards und allerlei elektronischem Geschwirre. Mal schwillen die Klänge bedrohlich und heftig an, nur um nach einem Klimax wieder in sich zusammenzubrechen. Soweit so postrockig, aber dann krachen die Gitarren schon mal metallisch, bevor wieder eine Passage folgt, die sich düster, voller Melancholie, geradezu quälend langsam dahinschleppt. Als seltsames Zwischenspiel erklingt auch schon mal ein bluesiges Gitarrensolo. Die Rhythmik ist eher einfach, manchmal etwas nervig holprig und steril (vielleicht ist das Schlagzeug auch “nur” programmiert). Im Titeltrack überraschen die Italiener plötzlich mit leicht atonalen Piano-Läufen und plötzlichen Ausbrüchen, die klingen, wie eine Spieluhr auf Speed. Insgesamt lassen sich L.E.S. niemals wirklich festlegen, bauen immer wieder seltsamen Wendungen, ja Wirrungen, in ihre Musik ein. Das macht es nicht einfach, dem Geschehen zu folgen, aber das ist ja auch wieder das Interessante. Eingeflochtene Stöhn-, Atem- und Grunz&Groll-Geräusche sowie Samples sollen wohl die Story unterstreichen (fügen sich aber nahtlos ins Geschehen ein, stören also den Fluss nicht im geringsten).

Der oftmals emotionslose, nüchtern-düster klingende Gesang von Michele Ermini tut sicherlich sein übriges zum eigenwilligen Klangbild des Albums. Manchmal scheint sich Ermini wahrlich durch seinen Text zu quälen, was die überwiegend düstere, teils verstörende, Atmosphäre des Albums noch unterstreicht.

“Metempsicosis” ist kein fröhliches Album und schon gar keines zum so Nebenbei-Hören. Man muss sich diesem Werk widmen, sich von seiner Atmosphäre gefangen nehmen und sich in die düsteren Abgründe ziehen lassen. Dann hat man ein sicherlich ungewöhnliches, spannendes und interessantes Hörerlebnis.

Voto: 11/15

Thomas Kohlruß

http://www.babyblaue-seiten.de/album_13922.html

Joxe Schaefer su CROSSFIRE METAL - 29/06/2013

L.E.S. kommen aus Florenz und heißen eigentlich Lazzerri Ermini Salucco, und das sind die Namen von Fabio Lazzeri, Michele Ermini und Lamberto Salucco, der Bandmembers. Mit den Schreien einer Frau beginnen sie, und es verspricht derbe Sounds. Und sie beginnen auch treibend mit „Fuori Di Me“, mit viel Bass und bratenden Gitarren wie Motoren bei einem Autorennen, doch die Verzerrten sollen quantitativ nicht oft auftreten. Meist sind die Töne, die hier angeschlagen werden, eher ruhig und sanft. Ohne verzerrte Gitarren fehlt mir die Verwendung des Begriffes Prog schon schwer. Frickeleien sind auch selten vorhanden, dafür aber jede Menge langgezogene Töne, und das über eine epische Spielzeit von deutlich über einer Stunde. An dieser Stelle tut es dem Gesamtwerk für einen durchschnittlichen Mitteleuropäer nicht so gut, wenn die Lyrics in der Italienischen Landessprache gebracht werden. In „La Preda“ sind mal derbe Ripp-Offs zu vernehmen, wenn auch sehr kurz und weit im Back, das den Kohl auch nicht fett macht. Das klingt alles sehr süß und sehr cheesy, und leider trifft der Sänger auch nicht immer exakt jeden Ton. Seit 1999 machen die Italiener zusammen Musik, doch Vergleiche zu progressiven Szenegrößen sind doch etwas weiter hergeholt.

Voto: 4/10

Joxe Schaefer

http://www.crossfire-metal.de/4427-0-LES-METEMPSICOSIS.html

John OBoyle su SEA OF TRANQUILLITY - 12/04/2013

L.E.S or more importantly Fabio Lazzeri (drums, programming), Michele Ermini (vocals) and Lamberto Salucco (guitar, bass and programming) are three upstanding men from that stunning country Italy, which seems to have an abundance of quality prog / metal bands. It won’t take you long to start naming some when you think about it. A bold but true statement; it is very rare that I hear something from this geographical location that I do not like. L.E.S is no exception to this rule.

My dilemma is that the lyrics are all in Italian. Now I asked myself the following question; is this a hindrance to understanding what is happening? Well in all honesty the answer to that question is a big emphatic NO. OK I don’t understand the story line or concept that runs through this album, but one thing that is for sure is that it is entertainment of the highest order; in saying that the band have stated that they are looking at adding English lyrics.

Musically what is presented here on Les Metempsicosis is emotional and atmospheric, the playing out of a screenplay; the Italian lyrics as with the language is passionate and adds an extra dimension. There’s preciseness to this whole affair that is addictive, that pulls you into their creative minds as dark as it is, leaving you satisfied and calling for more.

We are blessed with approaches that are full of technicality, fast paced musical interactions, adept and passionate slower pieces that build with grandeur that create moody melancholic scenes. Salucco’s guitar playing is astute and adept whilst Ermini’s vocal phrasing really sets the stage. On top of this Lazzeri’s drum work is more than a match for Salucco’s bass that offers some interesting time changes throughout as the pair work in perfect harmony.

The album is full of little nuances that pull influence from Pain of Salvation, Dream Theater, Blackfield, Porcupine Tree, P.F.M. and even Vangelis, that really hits the mark. Les Metempsicosis is a rewarding album that is definitely worth spending time with, time that will not be wasted. To say that L.E.S is only a trio, they certainly pack quite a punch.

Voto: 4/5

John OBoyle

http://www.seaoftranquility.org/reviews.php?op=showcontent&id=14378

Paolo Prosil su ITALIA DI METALLO - 19/03/2013

I L.E.S. sono una band proveniente dalla Toscana, più precisamente da Firenze! Il nome della band è l’acronimo di Lazzeri, Ermini e Salucco (i tre membri del gruppo). La scelta stupisce in quanto ad originalità. A mio parere sarebbe stato bello avere qualcosa di più studiato del tipo Litfiba o P.F.M. per intenderci.

A prima vista l’album si presenta come un progetto ambizioso e studiato nei dettagli: l’artwork della copertina è ben realizzato e a tema con il concept, e il booklet risuta ben articolato con tanto di testi. L’album proposto si intitola “Metempsicosis” (passaggio delle anime) e come avrete già intuito si tratta di un concept album.

La scelta è coraggiosa e a prima vista si direbbe essere alla portata del trio toscano, che con più di dieci anni di esperienza si cimenta nella terza opera in studio. Il motivo conduttore del concept è la trasposizione dell’anima attorno a cui ruotano violenza, amore, arte e morte; tale scelta va premiata per il coraggio e la difficoltà dei temi trattati, ma non è nuova in ambito di “concept album del progressive”. Sorgono spontanee e lampanti due citazioni: 1) L’auto-riflessivo capolavoro dei Fates Warning “A pleasant shade of gray” in cui l’orologio introduce e conclude l’album composto da un’unica canzone divisa in dodici parti secondo il sistema numerico addittivo dell’antica Roma. 2) Il famosissimo e l’ultra blasonato “Metropolis Pt. 2: Scenes fom a Memory” dei Dream Theater, che ha come tema principale proprio la reincarnazione o trasposizione dell’anima. Coincidenze? Non spetta certo a me dirlo, ma facendo parte di una band progressive e avendo speso più di 8 anni nella realizzazione di un “concept”, avrei tenuto in considerazione che tali opere sono di difficile composizione e raramente ripetibili anche dalle band più famose (“Promise Land” dei Queensryche è una rara eccezione).

L’album è composto da tredici tracce che spaziano dal metal al pop inserendo elementi blues e dance con leggeri sprazzi di psichedelia. La prima song “Fuori di me” apre molto bene, un arpeggio pulito e accattivante aleggia tra le partiture moderate e gradevoli della batteria che permettono armoniosamente l’inserimento di basso, tastiera e synth. Sono stupito e direi che: la band è riuscita a creare la giusta atmosfera e l’ascoltatore è pienamente immerso nel pezzo, ma all’improvviso il passaggio in distorto e i vorticosi “pseudo voli del calabrone”, interrompono la magia catapultando l’ascoltatore all’interno della strofa. Questa risulta buona e incisiva, cantata bene, probabilmente la parte cantata meglio di tutto l’album. Parallelamente alla voce, anche le parole sposano bene con la frenesia del pezzo “Butto i sogni di una vita sorseggiando un‘evasione”. Giunti al ritornello si ha un ulteriore cedimento, questa volta la responsabilità è tutta sull’armonizzazione vocale che sulle parti alte risulta ovattata, strozzata e poco calibrata, in sintesi: non piacevole per l’ascoltatore.

Segue “Un filo d’erba”, che ricorda un po’ i Marillion (band di probabile ispirazione del trio). La canzone dal punto vocale è incerta e inespressiva: non si capisce se tali scelte siano volute o meno, ma il pezzo è cantato con poca voglia e scarsa interpretazione dall’inizio alla fine. Inoltre la non variegata struttura strumentale non ne facilità l’ascolto che dura oltre i 5 minuti.

L’album sembra prendere una piega differente con la traccia numero 3, “A morte!”. Le atmosfere pittoresche delineano nell’immaginario dell’ascoltatore una sorta di Eliseo medioevale, fino a quando un coro di voci richiama al risveglio e introduce una bella linea vocale; azzeccati e perfettamente a tema i rintocchi del basso. “Sedia elettrica per chi ha stuprato la poesia!” Il pezzo funziona ed è decisamente progressive, un prog all’italiana basato sulle sonorità e l’interpretazione e che abbandona tecnicismi inutili e fini a se stessi!

Si continua con la traccia 4 che funge da gradevole intermezzo, il brano espleta il compito di far capire che il protagonista della nostra storia, una volta morto, si trova in una sorta di limbo e continua a percepire tutto ciò che lo circonda pur essendo incapace di comunicare; le scelte musicali sono a tema e tutto risulta ben bilanciato, il disco sembra delineare i canoni sonori e tecnici della band.

Proprio quando la storia inizia a farsi più interessante, I L.E.S. perdono le redini dell’armonia sonora arduamente domata con “A Morte” e “Pausa”. Ahimè, le tracce 6 e 7 fanno crollare vertiginosamente il valore del prodotto finale in quanto sono realizzate in modo impreciso e sconclusionato. Inizialmente ho pensato che certe scelte fossero intenzionali, ma nonostante i ripetuti ascolti non son riuscito a trovare una possiibile e valida giustificazione. Segue una spiegazione dettagliata per i più interessati ma non per le persone particolarmente suscettibili: Traccia 6 – “L’amore che non ho avuto” tenta di esporre tematiche interessanti nelle lyrics ma la performance vocale è drastica e nei ritornelli proprio inascoltabile. come se non bastasse sono presenti anche imprecisioni ed evidenti errori tecnici dal punto di vista strumentale (attacchi, stacchi e cambi di tempo). Traccia 7 – “La preda” non si capisce proprio dove voglia andare a parare. Parte con poca potenza e scarsa precisione, manca l’impatto. Il pezzo dovrebbe essere Thrash ma chiaramente non lega con quelle che sono le caratteristiche tecniche, sonore e fisiche della band. È palese che i tre manchino di potenza, non capisco dunque il perché di tale scelta se non il voler inseirire forzatamente differenti generi musicali per creare un qualcosa di “progressivamente” originale. A rincarare la dose ci pensa il cantato che risulta atono e fuori tonalità, nelle parti basse fa addirittura accapponare la pelle. (Essendo quest’ultimo un punto molto palese, mi sono indotto a pensare che tale scelta volesse intenzionalmente trasmettere una stravagante e bizzarra sensazione, se questa era l’intenzione mi dispiace, il bersaglio è stato mancato in pieno).

La Traccia 8 rialza leggermente il tiro in quanto è la più riuscita dal punto di vista organico e strumentale. Come si suol dire: “non è mai troppo tardi”, anche se questa volta potrebbe essere l’eccezione che conferma la regola, dato che molti ascoltatori, giunti nel mezzo del cammin, avranno probabilmente lasciato le speranze una volta entrati in questa selva oscura. Eh sì cari lettori, siamo già a metà del disco e per ora la band ha trasmesso poca chiarezza e coerenza nella logica delle proprie scelte. “Nuvola” è un pezzo calmo e vellutato che si accompagna armoniosamente tra piano chitarra e batteria, il cantato non è brillante, ma l’effetto corale ne rende gradevole l’ascolto durante tutti e 5 i minuti. La band conferma ancora una volta di essere a proprio agio seguendo il filone prog degli anni 70 (Pink Floyd/P.F.M./Area).

Evitando commenti sulla traccia 9, eccoci giunti alla title track: “Metempsicosis” che in greco significa “passaggio delle anime”. La canzone risulta una pacchianata, 2/3 sono realizzati al computer inclusi gli inverosimili assoli di tastiera. 6 minuti e 40 secondi di masturbazione musicale senza un nessun perché. Uno pseudo-prog volto all’esibizionismo con la complicità di finte capacità tecniche.

Concludono l’album “Baco” e “L’ultima Morte”. La prima si consuma attorno ad un tema di piano che pur essendo interessante e tecnicamente ben eseguito, risulta eccessivamente ripetuto, gradevole per un paio di ascolti. Per ciò che concerne la voce, le armonizzazioni alte risultano migliori e più colorate delle basse. Non sono presenti gravi stonature ma le chiusure non sono curate, specialmente sulle note tenute. Le parti soliste sono gradevoli, ma la registrazione della chitarra rimane poco potente e priva di suono, creando uno sbilanciamento sonoro tra tastiera e chitarra. “L’ultima morte” è un pezzo un po’ meglio definito, curato ed eseguito anche se si perde lungo il cammino dei suoi 11 minuti. La differenza fra la traccia XIII e il resto dell’album è ancor più marcata dall’inserimento di una bella voce femminile, Elena Giachi. L’alternarsi delle due voci, rende palese la mancanza più grande di tutto l’album, ossia qualcuno in grado di cantare e interpretare, far sentire, arrivare, esprimere, respirare emozioni. Durante i ripetuti ascolti di “Metempsicosis” mi son trovato a dover cercare giustificazioni/motivazioni o a biasimare il cantante per evidenti e palesi lacune. Badate bene che il mio giudizio prescinde dalla timbrica e dall’estensione, ma non dalle capacità ritmiche, tecniche e interpretative che sono la base per un buon cantato.

Concludo dicendo che “Metempsicosis” è un album difficile, che se saputo ascoltare può risultare a tratti interessante e piacevole, tuttavia l’effetto non dura mai troppo a lungo. Le giustificazioni e i problemi tecnici enunciati nella biografia non possono essere accettati, visti gli 8 anni di lavorazione che francamente sono davvero troppi per un prodotto di simile taratura. Sotto un’ottica oggettiva, l’album si percepisce come frutto di immaturità, mancata esperienza e coesione di gruppo senza volontà di identificare gli elementi che sarebbero da ottimizzare e quelli che invece sarebbero da sradicare completamente in concomitanza con le capacità della band, questo al fine di riuscire a fare le cose in maniera professionale andando oltre il packaging o il sito web! Più che badare alla confezione e al libretto si sarebbe potuto indubbiamente spendere tempo e denaro riregistrando tutto l’album e soprattutto riarrangiando le parti mal riuscite o poco adatte alle capacità della formazione. Considerando che attualmente la realizzazione di un disco underground è alla portata di tutti, troppe band si nascondono dietro immagine e copertina e solo in pochi tentano di trasmettere qualcosa di vero e sentito, che può avvenire con 4 accordi e una semplice melodia! Ne segue che gli sforzi e i compromessi nella realizzazione di un “concept” vanno al di là dello scrivere una storia a tema componendo un numero di tracce corrispondenti alla XIII ora che sta per scoccare in copertina, idea che per quanto buona e significativa viene totalmente vanificata dalla scarsa realizzazione sonora del progetto. L’ultima nota riguarda i testi, la Lingua Italiana è sicuramente un punto a favore: non sono molte le band che decidono di usare la nostra lingua come mezzo di espressione. In alcune parti l’ascoltatore riesce a immergersi nel pieno della storia che tuttavia si dipana in maniera troppo descrittiva con conseguente apatia.

Paolo Prosil

http://www.italiadimetallo.it/recensioni/9826/les/metempsicosis

Irek Dudziński su ROCKAREA.EU - 21/02/2013

Zaraz na początku gwoli wyjaśnienia. L.E.S to pierwsze litery nazwisk muzyków tej pochodzącej z Florencji grupy. Fabio Lazzeri (perkusja), Michele Ermini (wokal), i Lamberto Salucco (gitara, bas, klawisze). Muszę przyznać, że dużo czasu dałem sobie na odsłuchiwanie tej płyty próbując znaleźć w niej coś wartego zainteresowania. I teraz mam jeszcze większy z nią problem, bo wywołuje coraz bardziej skrajne emocje i wrażenia.

Pod względem muzyki płyta jest świetna. Fajna, przyjemnie „pykająca” sekcja rytmiczna, świetne „marillionowskie” solówki na gitarze i kapitalne wstawki na klawiszach. Utwory mocno rozbudowane ale przy tym nie nudzące, z ciekawym aranżem. Taki włoski klon naszego rodzimego „Millenium”. Ale jest parę rzeczy które mnie przy jej odsłuchu drażnią. Po pierwsze język w jakim jest nagrana. Z całym szacunkiem dla tego, że L.E.S. chce tworzyć w swoim ojczystym włoskim języku, podejrzewam że nie wróży to zespołowi niczego dobrego, bo utwory nabierają klimatu rodem z Festiwalu Piosenki San Remo. Ale ok. Doceniam ten patriotyczny krok.

Kolejna rzecz to dziwne patenty dźwiękowe wplecione w tło utworów. Jakieś odgłosy gnających samochodów, dźwięki rozbijanego szkła, śpiewające ptaszki, płaczące niemowlę…. Nie znam włoskiego i być może to co słyszymy ma swoje odbicie w tekstach płyty. Nie wiem ale wkurza mnie to. Dlatego też postanowiłem nie oceniać tej płyty punktami. Nie chcę, żeby moja nieznajomość języka i znaczenia tekstu stała się przyczyną tego, że okaleczę zespół . Tym bardziej że jak pisałem pod względem muzyki płyta „ Metempsicosis” jest naprawdę warta uwagi . Mam nadzieję że ocenicie ją sami. Komentarze mile widziane

Irek Dudziński

http://www.rockarea.eu/articles.php?article_id=3015

Carnival Creation su METALWAVE.IT - 16/02/2013

Il nome del progetto L.E.S. è un acronimo derivante dai tre cognomi Lazzeri Ermini Salucco, ovvero le tre figure che compongono la formazione, nata nel 1999 e con alle spalle tre dischi compreso questo “Metempsicosis” originariamente denominato “LES 3” e completato tra il 2004 e il 2005. Vari problemi logistici ne hanno rallentato la pubblicazione fino a fermarla del tutto per mancanza di tempo da dedicare ad un editing, mixaggio, mastering obbligatori nella produzione di un disco per cui ecco spiegato il grande ritardo.

Gli anni passano ma “Metempsicosis” è finalmente portato alla luce con risultati anche piuttosto sufficienti nonostante sia un mastodontico concept di un’ora e quarto di uno pseudo-progressive rock che guarda un po’ ovunque e si concentra nell’apparire sempre originale, riuscendoci in parte.

Non è facile avvicinarsi a questo disco né comprenderlo se si ha la presunzione di volerlo ascoltare solo una volta ma va assimilato pian piano qualora ci si ritrovi curiosi verso un disco che ha avuto una gestazione effettivamente disarmante.
La preparazione tecnica del trio non è certo scarsa e i nostri dimostrano a più riprese di possedere carte in regola per fare molto, l’unico elemento che non mi ha convinto è la voce che non ho trovato sempre all’altezza dei brani né adatta a determinate tracce, nulla a togliere alla buona interpretazione ma in certi punti (ad esempio “Delirio D’Immortalità” e “La Preda”) non mi è parsa granché, questione di gusti personali molto probabilmente.
Il platter è ricco di samples, pad, sintetizzatori il larga misura programmati, effetti a non finire, un po’ di ridondanza e ingenuità generali che hanno in parte minato alla struttura dei singoli pezzi facendoli apparire un po’ troppo sconclusionati come nella strumentale “Metempsicosis” titletrack dell’album che è anche l’episodio che rimanda direttamente al rock progressivo ma come intelaiatura non mi è parso un masterpiece.

Buone le influenze che toccano anche la musica elettronica e psichedelica a la Pink Floyd e niente male i testi se presi in generale ma credo che i LES avrebbero potuto fare molto di più in quanto si sente persino nei frequenti soli di chitarra che il livello tecnico è maggiore di quello contenuto all’interno di “Metempsicosis”.

Personalmente avrei curato di più l’audio della batteria e mi sarei concentrato in larga misura sull’aspetto puramente strumentale visto che non sto parlando di novellini ma a ognuno il suo. Probabilmente se i nostri avessero registrato da capo il disco senza mascherare la loro evidente bravura con effetti soffocanti di tastiere, plug-in e VSTi, avrei avuto un visione sicuramente migliore di questo prodotto.

Tuttavia “Metempsicosis” è ben lungi da una stroncatura poiché di spessore artistico e di contenuti ne possiede un bel po’ rispetto a tante altre release a cui vengo sottoposto di solito.
Sostanzialmente si tratta di un disco che può prenderti o meno a seconda dei gusti ma rispetto molto il lavoro che c’è stato dietro.
Spero che in futuro il trio produca musica al livello della sua preparazione. Possono far molto di più.

Voto: 62/100

http://www.metalwave.it/viewrece.php?id=4665

doc. Nemo su ROCKOTEQUE - 10/02/2013

L.E.S. potrebbe ricordare l’articolo determinativo plurale (sia maschile che femminile) della lingua francese, invece è l’acronimo del trio fiorentino composto da Lazzeri, Ermini e Salucco. Fa sempre piacere avere a che fare con una realtà conterranea, realtà attiva dal 1999 e giunta con Metempsicosis al suo terzo prodotto in studio autoprodotto. I L.E.S. sono un progetto interessante per la loro capacità di equilibrare il gusto per strutture complesse derivate dal progressive rock e metal con elementi di ambient e psichedelia, non senza un certo senso per la melodia e l’orecchiabilità. Ancor più interessanti per la scelta di esprimersi in lingua italiana, i nostri si potrebbero descrivere come eredi della tradizione progressive nostrana (P.F.M., Banco del Mutuo Soccorso, Area) con l’aggiunta di elementi più integralmente metal (Dream Theater, Pain of Salvation su tutti) e degli immancabili Pink Floyd. Il tutto in un’unità resa armonica attraverso un attento lavoro su arrangiamenti e atmosfere, adattati alla perfezione ai temi e alle liriche proposte.
La metempsicosi, o trasmigrazione dell’anima, è una credenza antica e diffusa in diverse culture, ma viene spesso ricordata in riferimento alla dottrina filosofica di Pitagora e all’orfismo greco. Secondo tali credenze, l’anima era sottoposta a continue reincarnazioni in altri esseri ed era condannata a tale trasmigrazione fino alla sua totale catarsi (=purificazione). L’anima era considerata infatti condannata alla vita corporea per l’esito drammatico di una colpa che l’avrebbe condotta a questo destino. Bene, il complesso e articolato concept (nato tra 2004 e 2005) che sottostà a Metempsicosis è proprio questo: l’album è il racconto di un’anima e delle sue peripezie attraverso le diverse forme che assumerà fino alla sua redenzione finale. Dalla colpa originaria, vissuta attraverso il proprio corpo, la seguiremo reincarnarsi in elementi naturali (un filo d’erba, una nuvola), in animali (un cervo, un volatile, un baco), in altri esseri umani (un condannato a morte, un amante, un neonato). Il tutto ben reso nell’artwork di copertina, dove le diverse immagini si sovrappongono all’interno di un orologio che segna 13 ore, quasi a voler simboleggiare che per l’anima l’ultima ora scocca in un dato temporale che sfugge alla scansione umana. Tra le tracce, suoni inquietanti che ricordano il brusio dell’arrestarsi di un nastro o della perdita di segnali, quasi a dare un corpo profano e mediatico a questo trasmigrare dell’anima.

Il tutto viene reso e raccontato attraverso lo stile dei L.E.S. che abbiamo descritto, con una musica che va in pratica a offrire la soundtrack ideale per tale lavoro e conferma l’attitudine alla colonna sonora che caratterizza il gruppo fin dagli esordi. Così partendo dalla prima traccia Fuori di Me dove cogliamo la condizione dell’anima intrappolata «dentro questa macchina impazzita», nell’atto di compiere un omicidio, comincia il nostro viaggio; siamo qui accompagnati da un sound e una struttura progressive metal ben equilibrate con la melodia e da una voce narrante tagliente e decisa. Di qui passeremo per diversi episodi di gran qualità tra cui bisogna segnalare senza dubbio la successiva Un Filo d’Erba, figlia di umide suggestioni paesaggistiche e climatiche degne della P.F.M.; la dolcezza disperata e commovente de L’Amore che non Ho Avuto; la furia metallica, solenne e spietata de La Preda; l’atmosferica Nuvola e la tetra ninnananna incastonata nei ricordi frammentari di un bimbo in Ciò che si È Perso. Una nota a parte invece per la title-track, lunga strumentale nella cui architettura sonora si intuiscono chiaramente le influenze Dream Theater; ancor più lunga, misteriosa ed ermetica l’ultima traccia (che vede peraltro la collaborazione della voce di Elena Giachi) dove l’anima sembra trovarsi faccia a faccia con sé stessa in una situazione paradossale ed extratemporale in cui subisce la violenza che ha inflitto nel primo episodio dell’album. È qui la catarsi, l’atto di purificazione attraverso cui l’anima può separarsi dal corpo e dal destino della metempsicosi ritornando all purezza originaria? La risposta resta aperta.

L’ottimo lavoro di registrazione e di postproduzione (svoltisi tra Studio Casina e Koan Studio) permettono di apprezzare fino in fondo le capacità versatili di questo trio. L’estrema varietà di atmosfere e arrangiamenti è però tenuta insieme da un’impronta di personalità non indifferente: i L.E.S. sembrano essere riusciti a trovare la loro formula, il loro marchio di fabbrica, uno stile con cui contraddistinguersi senza risultare l’ennesimo coacervo di influenze disparate con cui capita spesso di avere a che fare. Un peccato constatare che una band con queste capacità non sia ancora riuscita a farsi notare da qualche etichetta indipendente attraverso cui trovare la giusta promozione. Ma allo stesso tempo è un piacere notare che in Italia esistono gruppi capaci di affrancarsi tanto dal provincialismo musicale imperante, quanto dall’adesione a stilemi esteri che ne vanificano la personalità. Le composizioni dei L.E.S., pur rendendo atto di diverse influenze, restituiscono capacità creative che stentano a emergere dalle nostre parti. Difficile dire se Metempsicosis costituirà un evento epocale o se sia soltanto un prodromo, ma senza dubbio si tratta di una realtà di tutto rispetto che rende giustizia al lavoro e all’impegno del trio fiorentino.

doc. NEMO

Voto: 8,5/10

http://www.rockoteque.it/Recensioni-review/l-e-s-metempsicosis/

Jean-Christophe Le Brun su NEOPROG - 26/01/2013

L.E.S. comprenez Lazzeri Ermini Salucco (les trois membres du groupe) c’est du prog italien de Florence en Toscane, qui se cherche entre Dream Theater et Pink Floyd. Du prog italien, chanté en italien, ils sont si rares les artistes prog à choisir leur langue pour s’exprimer qu’il faut le souligner.

L.E.S. ce sont trois musiciens :
Fabio Lazzeri à la batterie, Michele Ermini chant et Lamberto Salucco aux guitares, basse et claviers.

Il s’agit du troisième album du groupe après Scene en 2002 et La mia immagine en 2003.
Il leur aura fallu sept années, entre janvier 2004 et décembre 2011 pour composer ce dernier album.

On y parle de violence, d’amour, de sens de la vie, en italien bien entendu, donc ne m’en demandez pas beaucoup plus.

Treize titres allant de la pop paisible au progressif léger en passant par du métal progressif pas trop démonstratif. L’ensemble s’écoute agréablement. Certes L.E.S. n’a ne va pas révolutionner le genre avec cet album, mais vous devriez passer un bon moment.

L’intro de Fuori di me pourrait vous faire sursauter, je n’en dis pas plus, mais l’album commence fort.

Un filo d’erba fait penser un peu a Angelina de Marillion avec son son un peu blues. Un break agreable.

La preda, peut-être parce que la basse est plus présente, aussi pour son côté métal puis appuyé m’a bien plus mais là c’est le chant qui coince par moment. On espérerait plus de puissance et de maîtrise.

Metempsicosis, le titre éponyme, est un instrumental bien ficelé, dans l’esprit des maîtres, à savoir Dream Theater. Une belle virtuosité sur les claviers, la batterie qui suit, quelques belles accroches de guitares, le morceau déménage.

Sur l’Ultima morte une chanteuse s’invite, Elena Giachi du groupe de reggae “Michelangelo Buonarroti”, avec une voix un peu cassée à la Bonnie Tyler, j’aime bien. Le duo fonctionne et clôt l’album agréablement. Il s’agit en plus d’un titre grand format de plus de dix minutes avec une tension qui monte peu à peu.

Un bon son de guitare, pas assez en avant à mon goût mais qui fait quelques jolies apparitions dans La mia vita ou encore à la fin de L’amore che non ho avuto.
Ce sont souvent les claviers qui prennent le dessus avec les percussions.
La basse passe de temps en temps inaperçue, c’est dommage.
L.E.S. insère quelques enregistrements sonores dans les morceaux, pour assurer la transition ou mettre en place l’ambiance, à la manière de Operation Mindcrime. Mais bon l’orgasme dans L’amore che non ho avuto, c’est un peu limite quand même…
Pour le chant, je suis moins emballé, il est un peu juste, un tantinet monotone et étrangement c’est dans les chœurs que l’on trouve les plus belles choses.

Metempsicosis est un album agréable, qui possède un bon rythme, des passages instrumentaux intéressants, une bonne réalisation avec des petits moyens, bref il mérite la découverte.

Rédigé par Neoprog le 26/01/2013

Voto: 14/20

 

Samuele Mameli su ROCK & METAL IN MY BLOOD - 20/01/2013

Nell’ultimo periodo inconsapevolmente son stato investito da un senso di vuoto, di afflizione senza captare la reale ragione per cui alcuni istanti siano risucchiati da un vortice angoscioso, eppure avevo la risposta sotto gli occhi ma incredulo, non pensavo che un piccolo oggetto avesse tanto potere, per cui la ricerca di riscontro andava oltre la semplicità, imputandomi di uno stato d’animo troppo fragile, non che sia distante come diagnosi ma tendenzialmente accorto ad assorbire energie scure rispetto alla media. Alla lunga, pian piano, tutto ottiene una risposta e quello che sembrava innocuo, è la causa principale di tale disagio, un onesto cd che racchiude un incanto, un fascino da svilupparsi ascolto dopo ascolto, aumentando un potenziale impensabile a primo impatto.

Il platter in questione s’intitola Metempsicosis, un lavoro creato dalla band italiana L.E.S. , acronimo di Fabio Lazzeri, Michele Ermini e Lamberto Salucco, i membri fondatori che hanno mosso i primi passi già nel lontano 1999, sfornando sino ai giorni nostri tre full lenght attraverso diversi problemi tortuosi che ne hanno rallentato la continuità espressiva musicale. Il disco, preparato da tempo, vede la luce solo di recente e si destreggia mediante un concept album veramente riuscito e curato con liriche rigorosamente in italiano… assumono un ruolo fondamentale non fine a se stesse, la loro profondità testuale rincara quella dose di tormento dall’inizio alla fine, parole studiate a puntino che ruotano sempre intorno alla morte e alla sua trasposizione di anima in pena che tra errori e ricordi amari, viaggia nella sofferenza, nello spazio senza meta e privo di certezze, una corsa tra sogno e realtà dove lo sdoppiamento astrale può essere il fulcro della storia, anche se a rileggere il titolo mi sovviene richiamare Socrate che concentra l’essenza dell’uomo nella sua psiche; tutto questo popò di materiale è accompagnato da un sound che per la maggiore mi ha riportato alla mente i Timoria più soft e acustici che spaziano nel progressive rock alla Pink Floyd con innesti elettronici alla Jean Michel Jarre per intenderci, un suono dal retrogusto avvilente che va apprezzato senza soffermarsi alla prima impressione, un platter da vivere e studiare perché lascia effettivamente il segno, un peccato non gustarlo.

L’artwork rispecchia dettagliatamente ciò che ci verrà incontro, le immagini presenti sono l’anticipazione degli elementi cardine di ogni racconto del brano, un cammino nel tempo che volge i suoi resti di memoria e cronografia inesorabilmente vissuta nel vitreo della solitudine e contemplazione del proprio io, anticipazione capillare per ciò che il disco ottico è in procinto a offrirci che parte difatti con una favolosa “Fuori Di Me”, l’alone di paura sollecitato da urla disperate di donna interrotte da un colpo d’arma da fuoco danno il benestare a suoni futuristici e atmosferici che tanto m’ha richiamato Jean Michel Jarre dall’album Oxygène (1977), un crescendo d’intensità e melodia che s’imbatte nei riff serrati e decisi di Lamberto pronto ad accogliere l’ottima voce di Michele per quella che diverrà un susseguirsi tra soluzioni grintose e pacate dove quel flavour malinconico fa da perfetto collante.

L’avventura è cominciata e prosegue con la sofferta “Un Filo D’erba”, l’andatura lenta e ragionata diffonde un senso di vuoto placate solo da quegli sprazzi di ritornello disinvolto, che conferisce interessanti cambi armonici, l’aria che si respira è comunque ancorata all’afflizione che dona una botta allo stomaco proprio nell’ultima nota di tastiera avvertita alla conclusione.

“A Morte” come già il titolo annuncia, non prevede di sicuro spensieratezza, una progressive song semi-acustica deliziosa che lambisce territori fusion di alta qualità, il decorso solenne e introspettivo offre passaggi intensi, un piccolo ciclone che rimedia altrettanti danni all’animo.

“Pausa” è da brivido… un paio di minuti per insegnare come con poco si riesca a tramortire l’ascoltatore, il cantato dolce e sentito è la parte più intrigante, sorretto da un tappeto di sintetizzatori, elargisce un’elegia dalle tristi note, emozioni laceranti.

“Delirio D’immortalità” continua a muoversi a ritmi cauti e blandi, costellato da un testo profondo, si sgretola mediante ammiccanti melodie ricche di pathos, un feeling travolgente, una teatralità aulica alimentata da una voce calda, una traccia che concede meditazione… uno sguardo che si perde nel nulla tra arpeggi chitarristici, assoli ardenti e rintocchi di piano, egregia.

“L’amore Che Non Ho Avuto” alza il tiro, l’apertura di guitars reboanti con tappeto sonoro sinistro regala l’estratto che preferisco maggiormente, tutta questa carne al fuoco è momentaneamente lasciata in disparte a discapito di strofe dal mood amaro e riflessivo che fomentano il più bel leit motiv del lotto e cari miei, merita di essere cantata in coro, sprigiona grinta da tutti i pori, anthemica sino all’osso, non si fa mancare nulla trovando spazio anche per l’estro di Lamberto che sfodera una prestazione impeccabile, la sua chitarra ruggisce e l’interludio ne è testimone, bellissima.

“La Preda” è un esempio di come la musica possa sfornare le medesime sensazioni di timore e sgomento anche senza l’ausilio di vocals se queste non fossero presenti, i riff granitici in apertura tengono la mano a melodie dissonanti che paradossalmente si piantano in testa e non si schiodano neppure a fine ascolto, arrangiata in maniera esemplare, è una track che prende vigore lungo il percorso allineando accordi considerevolmente “accessibili”.

“Nuvola” è sognante e vellutata, le note pizzicate di chitarra sono ammirevoli, il loro saltellare all’avvio fa spazio al ritmo rallentato che si abbellisce di un clima etereo impugnando la desolazione… la stessa, accarezzata dal calore di forti commozioni.

“Ciò Che Si è Perso” è alquanto insolita, s’introduce con la famosa ninna nanna interpretata in modo originale, a dir il vero trasuda nostalgia che reca un nodo alla gola impossibile da distogliere lasciando al fattore poetico delle liriche la magia di riportare indietro ricordi spiacevoli, la si potrebbe sentire propria, immedesimarsi in questo scenario non è così remoto.

“Metempsicosis” è pura goduria, interamente strumentale, siamo investiti da del sano rock progressivo che va a braccetto con l’elettronica, una miscela risonante di note impazzite, un rincorrersi all’impazzata di ripartenze e partiture schizoidi con Fabio Lazzeri sopra le righe, direi l’anima di questa canzone, è riuscito a dosare il giusto equilibrio tra reale e virtuale; la perizia tecnica dei nostri è così messa a nudo, ricca di voli pindarici ed esuberanze soniche, rimane un gioiello composto meticolosamente, formidabile.

Un docile piano con quelle atmosfere appassionanti che ricordano i migliori Anathema, accoglie “La Mia Vita”, il palcoscenico allestito è condiviso da spiragli suadenti, un crescendo sonoro che incanta per la diversità espressiva, ariose aperture vocali ci accompagnano in un viaggio interiore. Il disco avanza, la curiosità e l’amore per ciò che si ode, accresce…

“Baco” si mantiene ad alti livelli, addirittura inizialmente, quel giro di keyboards procura un flash back che mi riporta la colonna sonora del film Tentacles composta da Stelvio Cipriani, il brano si dimena così in strofe a effetto dando ampio spazio a digressioni musicali che conducono a un finale intenso e penetrante.

“L’ultima Morte” è una traccia extra long e v’invito ad alzarvi in piedi perchè in dieci minuti si assapora la passione per l’arte, siamo dinanzi all’episodio che racchiude l’elisir della band, con la partecipazione della female voice Elena Giachi, veniamo colpiti da melodie pungenti aiutate dal lavoro pianistico in primis, l’andamento grave e ragionevole assume un atteggiamento opposto man mano che i minuti scorrono perchè nell’intermezzo abbiamo un altro paio di maniche, il sound si capovolge e via al wall of sound imponente, via all’emozione che s’insinua nelle viscere del cuore, un bagno di scorribande strumentali che s’inseguono fino a disegnare visioni toccanti, rimango senza parole, l’epilogo d’antologia mi sfolgora gli occhi, sono inerme… bravi.

Concludo dicendovi che questo full lenght merita senz’altro di essere ammirato, è particolare e di sicuro non basta un ascolto, nonostante sia ben metabolizzabile, ha bisogno di ripetuti interventi per riuscire a cogliere la grazia propostaci e poiché il presente è più che buono, il futuro non potrebbe essere diversamente.

Voto: 7,5/10

 

Francesco Lenzi su AUDIOFOLLIA / 24MERIDIANI - 06/01/2013

Ultimamente stiamo assistendo al ritorno del rock progressivo; e,come ho già detto in occasione dell’articolo delle Porte non Aperte,la cosa non può non farmi piacere,dato che sono un cultore di certe sonorità.
E’ quindi un vero piacere parlare di un’altra band, anch’essa di firenze, come il gruppo di cui parlai tempo fa. Si chiamano L.E.S. ovvero Lazzeri-Ermini-Salucco,che sono i cognomi dei componenti del gruppo,rispettivamente Fabio Lazzeri alla batteria e al programming,Michele Ermini alla voce e Lamberto Salucco, polistrumentista alla chitarra, al basso e alle tastiere (oltre che al programming).” Metempsicosis”è un lavoro estremamente coraggioso,originale ed è oltretutto ottimamente registrato,nonostante si tratti di un’autoproduzione:come nella tipica tradizione prog,è un concept album,basato sulla reincarnazione.

Si tratta di un disco abbastanza complesso,e allo stesso tempo però affascinante,ricco di mille sfumature;andiamo ad analizzarlo pezzo per pezzo.”Fuori di me”è il primo brano che si apre con un urlo agghiacciante,per poi sfociare in due diverse anime.L’introduzione è un delicato arpeggio umbratile,con un dialogo basso/chitarra/synth e una batteria sincopatissima; poi,il brano sfocia in sonorità più hard e quasi metal.Il testo parla di un uomo che,dopo aver ucciso una donna,sente di dover espiare la sua colpa. Ottima la simbiosi musica/testi,con un incessante dialogo tra le chitarre,le tastiere e la sezione ritmica implacabile,che si snoda su territori a metà tra tradizione e modernità prog rock. Già da questo primo brano s’intuisce che il trio ha una forte personalità,oltre che indiscusse capacità tecniche.

“Un filo d’erba”,aperto dai suoni della natura,è un brano dall’atmosfera blueseggiante, con chitarre e tastiere limpide e”liquide”,con un testo molto riflessivo e introspettivo.Il ritornello è un contrasto tra toni sereni e più oscuri,in bilico quindi tra accordi maggiori e minori. Molto emozionante e con un finale inquietante che lascia presagire cosa succederà poi.

” A morte!”è il terzo brano del cd,e vede il nostro protagonista condannato a morte.Il pezzo si apre con dei delicati arpeggi di scuola dark prog, con rumori di passi e di cancelli che si aprono. Il testo è un dialogo tra il condannato a morte e il suo”boia”,con alcune parti che si ricollegano all’introspezione del brano precedente (“Ero filo d’erba che si era spento al buio”), per poi lasciare spazio alla spietata realtà,anche se rivestita di una dolcezza poetica (“sedia elettrica per chi ha stuprato la poesia/io non so chi sono sai,sembra un incubo oramai”). Il pezzo è favoloso,dominato dalle tastiere e dai synth,in cui fanno capolino influenze tipicamente anni ’70,che mi riportano alla mente come atmosfera i Goblin, ma anche alcune cose del Balletto di Bronzo,filtrate però in un’ottica moderna e personale.

“Pausa” è, nella sua brevità, un pezzo vagamente più rilassato ma al tempo stesso molto lirico; il protagonista è morto,però è “ancora vivo”,come descrive il testo:è il primo passo della reincarnazione,e quindi della “presunta liberazione”del protagonista stesso,dopo il male compiuto. Un’atmosfera bellissima,con un assolo di chitarra fantastico e delicato al tempo stesso,sospeso,dal sapore vagamente canterburyano.

“Delirio d’immortalità”è esattamente quello che promette il titolo:un brano dolcissimo,dalle atmosfere sognanti,con il protagonista che s’interroga sulla sua curiosa situazione di reincarnato(“Son vivo o no,son morto o no?/mi perderò nel vuoto ma/ho visto già che forza ha quest’irrealtà/Nelle vite che ho passato già/era tutto vero”).Forse uno dei pezzi più intensi e belli del disco,molto riuscito,nella sua inquietudine esistenziale sospesa nell’aria….commovente nell’indagare tra le pieghe dell’anima,su quello che è e quello che sarà. Dopo un altro solo efficace di chitarra molto bello,finale recitato con delle tastiere quasi ambient nella loro splendida pacatezza(e poco prima della fine,fa capolino un altro solo azzeccatissimo, durante la ripresa dell’inciso,prima del”respiro affannato”che anticipa il prossimo brano).

“L’amore che non ho avuto”è un altro brano che indaga tra le pieghe dell’anima del protagonista:esso finalmente scopre di essere vivo,anche se non nel corpo che si aspettava di trovare probabilmente(come vedremo poi successivamente).La vicenda si fa complessa e continua la poesia nel descrivere un atto d’amore,mentre il protagonista s’interroga su mille dubbi. Musicalmente è una ballad molto rilassante,chiaramente in ambito prog, squarciata qua e là dalle distorsioni delle chitarre (mi vengono in mente come atmosfera i Timoria di “viaggio senza vento”, solo per un’associazione mentale mia, perché poi il brano è originalissimo e vive ovviamente di luce propria). Azzecatissimo come sempre il connubio testo/musica (“se avessi conosciuto questo amore prima giuro che non sarei diventato pietra per l’affetto che non ho avuto mai”); l’effetto emozionale è garantito, assolo chitarristico, come sempre da applauso, che scardina l’anima.

“La preda”è un brano dalle varie sfaccettature, da improvvise mitragliate prog metal,ad alcune parti tastieristiche molto rilassate,su cui si stagliano degli arpeggi delicati;il testo è molto riuscito nel descrivere la simbiosi tra il protagonista ed un cervo,entrambi “prede”per eventuali “cacciatori”. L’inquietudine esistenziale ritorna chiaramente nel finale, in un connubio di chitarre heavy e tessuto prog. C’è da dire che,nonostante i cambi di tempo e l’enorme tecnica dei musicisti messa in gioco, questa non è mai fine a se stessa e non stanca mai, è al completo servizio della canzone(compito non facile,ma che i L.E.S. portano avanti alla perfezione,vincendo la sfida).

“Nuvola”si apre con un’atmosfera tra il disteso e l’onirico,un pò blueseggiante,è una compenetrazione perfetta tra chitarra solista,tastiera ed il testo di matura introspezione.Un’atmosfera sognante,bellissima,per certi versi anche rilassante e rilassata,però sempre con dei piccoli elementi di inquietudine.

“Ciò che si è perso”è una ninna nanna che descrive l’angoscia del protagonista che rivive,bambino, l’abbandono del padre. Ottimo il contrasto,com’era per la traccia precedente,tra l’atmosfera eterea,quasi dolce,e la tematica non facile del testo,anche se sempre trattata con fare poetico,mai crudo.Improvvisamente però il finale svela la sua anima più rock,che lascia quasi un filo di speranza in sublime contrasto come dicevamo col testo (“Quel che ho perso non lo riavrò mai /quel che si è perso non si riavrà mai”)…. Il finale riprende la ninna nanna tradizionale citata anche nell’introduzione,però in salsa dark(per così dire).

“Metempsicosis”(la title-track), l’unico brano strumentale del disco, sono quasi 7 minuti di affascinante prog rock, con varie anime che s’incastrano tra di sé.E qui i L.E.S. danno veramente sfoggio delle indiscusse capacità tecniche,in grande spolvero… Tra turbini di tastiere di ogni sorta e riff di chitarra heavy, fanno capolino anche soluzioni musicali decisamente più complesse,che mi riportano alla mente le cose più aggressive e sperimentali del prog settantiano,stemperate però in arpeggi decisamente heavy,che donano un sapore originale al tutto. Un brano nella migliore tradizione strumentale prog, ma al tempo stesso modernissimo e originalissimo:da applauso il perfetto equilibrio e incastro della sezione ritmica,degli assoli chitarristici e di tastiera.Un delirio sonoro perfettamente organizzato,anche nelle parti più oscure…Un brano che sicuramente sarà il piatto forte nelle esibizioni live dei L.E.S.,dalla tecnica come dicevamo sopraffina,che lascia di stucco.

“La mia vita”è la descrizione di un”passaggio”da una vita all’altra del protagonista,tra arpeggi delicati e tastiere ombrose (“Ora che sopporto meglio questo buio/questo silenzio del trapasso di un risveglio che non so”recita il ritornello,in una bellissima atmosfera).Ritorna il gioco dei contrasti,mai abbandonato nel disco,tra delicatezza e improvvise sfuriate chitarristiche, nel ritornello;e c’è spazio per un notevole assolo chitarristico, ad alto tasso tecnico, nel finale, di sapore spagnoleggiante.
Siamo quasi arrivati alla fine del viaggio,che comunque fino all’ultimo ci terrà col fiato sospeso,e poi capiremo perché.

“Baco”è la penultima traccia,molto complessa,con un testo molto simbolico,che lascia diverse interpretazioni;si percepisce però quello che sta per avvenire,in un certo senso,ad un ascolto attento.Una nuova nascita,anche se non si sa ancora in quale forma di vita.Di nuovo contrasto,tra l’inizio del brano,molto cupo,e la parte centrale,con dei riff molto settantiani, di classico rock&roll,però cucinati in salsa progressive,che lasciano poi spazio ad un viaggio nuovamente nell’oscurità,dominato dalle tastiere, quasi ambient, su cui si muovono però le decise distorsioni della chitarra e l’incalzante stop & go ritmico.

“L’ultima morte”è il gran finale, e come avevamo già accennato, c’è un’ulteriore risvolto. Il brano è molto complesso, ed è anche il più lungo del disco, quasi 11 minuti. Il protagonista adessodescrive se stesso,ma stavolta si è reincarnato in una donna….(e infatti fa capolino una bellissima voce femminile,di Elena Giachi). Di sicuro uno dei brani più affascinanti,e allo stesso tempo sinistri e complicati del disco,per la sua atmosfera di precarietà emozionale che si respira.IL colpo di scena avviene a metà brano,in cui il protagonista incontra da donna se stesso da uomo…..ma succede l’inevitabile:come era anticipato dall’inizio dell’album,la creatura viene stuprata,ma si scopre che la vittima e il carnefice in realtà sono la stessa persona,due facce della stessa medaglia(“Vedo i miei occhi uccidere me/provo lo strazio di soccombere/Non posso credere che sia io/la belva che si crede dio….”)….Altamente simbolico questo finale,non lascia respiro,ma molte interpretazioni e interrogativi,con un finale affidato alle voci dei telegiornali,mentre la musica svolta dalle parti di un prog “metallizzato”e personalissimo,con chitarra e tastiere che si rincorrono a perdifiato,così come basso e batteria che sono incessanti.Un brano lacerante,bellissimo,che chiude in maniera riuscita l’opera,col cantato che non lascia dubbi(“L’ultima morte/Non tornerò più”)e un finale lasciato agli archi,”disegnati”dalle tastiere e dai synth; un finale decisamente commovente e che fa venire la pelle d’oca.

Che altro dire ancora? Il disco secondo me rilasciato dai L.E.S. è un capolavoro artistico,che meriterebbe molto consenso,e di sicuro ne avrà;probabilmente non è un lavoro facile,ma non appena si entra dentro all’opera (perché di opera rock si tratta),se ne rimane affascinati,e non si può più tornare indietro,si viene catapultati immediatamente nella storia,ed è impossibile non rimanerne catturati. Io l’ho seguita con attenzione dall’inizio alla fine,con molta curiosità;inoltre,va riconosciuto un merito non da poco ai L.E.S.:come ho accennato nell’articolo,seppur nella sua complessità e con l’enorme tecnica messa in gioco della band,il lavoro non risulta mai pesante,anzi scorre via in maniera piacevolissima e non è un fattore da poco, perché il trio vince anche dove altre band del genere magari hanno fallito.E poi la storia raccontata,dal lato dei testi è,oltre che originalissima,molto avvincente;sicuramente va seguita,come dicevo,con profonda attenzione,ma fa veramente riflettere.Inoltre ognuno può dare un’interpretazione personale alla vicenda;l’argomento reincarnazione lascia infatti molti spunti sui quali fare un’analisi più approfondita(per quel che mi riguarda,gli interrogativi e le riflessioni che mi ha suggerito non sono solo sulla reincarnazione stessa,ma anche sulla dualità bene/male presente nell’individuo,oppure anche del perpetuo ripetersi degli errori e dei conflitti negli esseri umani. Un’interpretazione,beninteso,del tutto personale).A questo punto non resta che seguire le ulteriori vicende del gruppo, e le esibizioni live; di sicuro i L.E.S. sono una delle migliori band in circolazione, e non solo della toscana,e sono altrettanto sicuro che avranno ancora molte frecce al loro arco… quindi attendo con impazienza le prossime mosse; nel frattempo,corro a riascoltarmi per l’ennesima volta,quel superbo capolavoro che è”metempsicosis”! Il consiglio che vi dò è di procurarvi al più presto questo disco e rendervi conto dell’impressionate bravura dei LES!

(Da quello che apprendo nella bio, il disco ha avuto una lunga gestazione,ben 8 anni; se queste però sono le premesse, è stata un’attesa ben ripagata,per le nostre orecchie! Spero che lo sia altrettanto in termini di responso per questo magnifico trio, perché merita veramente, ha tutte le carte in regola per essere apprezzato, non solo in Italia,ma anche all’estero!)

 

Stevie Anders su SCREAM RADIO - 17/12/2012

Formati nel 1999 i L.E.S. hanno messo a frutto l’esperienza decennale dei singoli membri per dar vita a un progetto musicale che coniuga il rock (Dream Theater, Iron Maiden, Pink Floyd) con l’ambient (Brian Eno, Vangelis) e la soft dance elettronica (Jean Michel Jarre, Enigma, Massive Attack).

“Metempsicosis” è uscito da poco e ascoltando le varie tracce di questo concept con brani interamente in italiano, c’è da fare un plauso a questi ragazzi per la qualità e la tecnica sfruttata su questo disco tra l’altro ben confezionato (un merito va dato all’artwork molto bello graficamente) forse la scelta di cantare in italiano non si e rivelata azzeccata secondo me. Un certo tipo di musica avrebbe a mio giudizio personale reso meglio in strumentale e in inglese. Disco che comunque ripeto rimane sempre su livelli ottimali per il genere proposto (lo dico pur non essendo un estimatore di musica né ambient né progressive).

Le songs non sfociano mai su binari aggressivi rimanendo e mantenendo atmosfere rilassate e pacate, a mio avviso assai troppo pacate. Sicuramente va riconosciuto l’impegno la professionalità e anche se vogliamo una certa originalità nel proporre queste sonorità alla band dei L.E.S.

Progetto che sicuramente troverà terreno fertile tra i cultori di certi ambienti musicali e sottogeneri citati. Mi fermo qui non essendo appunto ferrato in materia e non volendo né bocciare ma nemmeno lodare troppo questo disco “Metempsicosis”.

Non do quindi un voto ma mi soffermo a ripetere che a livello di artwork e recording questi ragazzi hanno dato il loro meglio e lascio una review più completa a qualche esperto del settore!

RATING: 7.75/10

Luciano Zella su PROSA E POESIA - 10/11/2012

‘(…) sedia elettrica per chi ha stuprato la poesia‘

Abbassate le luci, procuratevi un’ora abbondante di tempo libero, un buon paio di cuffie e una buona dose di voglia di viaggiare via dall’apparenza e dalle comodità: arrivano i L.E.S.

Dopo una lunga gestazione viene alla luce Metempsicosis, il primo cd ufficiale (autoprodotto) di questo trio di amici/compagni/musicisti/irrinunciabili-nostalgico-romantici che sfornano alle soglie del 2013 un album che sembra voler dare uno schiaffo a tutto ciò che risponde all’imperativo ‘omologarsi’.

Chi si aspetta un prodotto poco impegnativo o ruffiano, dai testi leggeri e dalle atmosfere semplici e disimpegnanti, si tenga lontano da questo cd, lo mondi e lo maledica con le più moderne formule dell’apparenza, lo distrugga senza pietà, lo fraintenda liberamente ma non lo tocchi; pena la riflessione forzata, la presa di coscienza e l’inevitabile percezione di se stessi.

Questo lavoro costringe infatti l’ascoltatore alla meditazione; una tortura che , in questi tempi d’effimero e di cliché ripetuti all’infinito, risulterà probabilmente insopportabile all’ascoltatore medio.

E proprio questa apatia anintellettuale sembra stare stretta ai toscani L.E.S. che, come chiarito immediatamente dalla frase in calce sul retro del cd, promuovono attraverso la loro musica, spesso intricata e irregolare e dai testi intensi e viscerali, una maggiore intraprendenza con se stessi, per trovare il coraggio di mettersi a nudo e capire che il disinteresse e la superficialità non portano a evitare il male, ma, al contrario, a divenirne complici e succubi.

L’idea di raccontare in musica l’esistenza di un soggetto nelle sue molteplici incarnazioni mi è sembrata davvero azzeccata e originale. L’ascolto scorre fluido durante tutti i quasi ottanta minuti di cui conta questo cd, dall’omicidio iniziale fino all’agghiacciante, ma allo stesso tempo catartico, finale.

Il concetto stesso del tempo sembra permeare questo lavoro già dall’immagine in copertina, un collage di foto che ritraggono i vari avatar in cui trasmigra il protagonista, incorniciate da un curioso orologio di 13 ore, 13 come le tracce del cd appunto.

Produrre un lavoro come Metempsicosis, un lungo e ragionato ‘concept’ sviluppato in brani mediamente superiori ai quattro minuti, accompagnati da testi poetici e introspettivi, potrebbe risultare una decisione antitetica alle attuali norme commerciali del ritornello entro il primo minuto.

Tale scelta, però, risulterà azzeccata per chi, da una reduce nicchia di pensatori vintage, si prenderà la briga di lasciarsi rapire da questo presuntuoso cd che, a mio avviso, è un piccolo capolavoro.

Non tanto per la produzione, pregevole e ben fatta ma lontana anni luce dai canoni dei ‘megasuoni’ ai quali siamo ormai abituati, ma per l’attenzione posta ad ogni singola nota, suono e parola, come a privilegiare le sensazioni e la musica ai funambolismi fonici dell’era digitale o alle svisate innocue di una sterile esibizione strumentale.

Non che non ci sia la tecnica, quella c’è eccome, ma non risulta mai fine a se stessa e piuttosto viene utilizzata solo e unicamente a servizio del risultato.

I pezzi che compongono questo full-length sono estremamente variegati, i ritmi sono spesso irregolari e ricchi di sincopi e accenti controtempo che esaltano e sollevano delle linee melodiche efficaci e accattivanti.

Tutto è arrangiato in una vena volutamente ‘fusion’ dove le chitarre di Lamberto Salucco di matrice spesso ‘heavy metal’ fanno da accompagnamento ad atmosfere tipicamente progressive e l’espressiva voce di Michele Ermini, anche grazie al possente utilizzo di doppie voci, armonizzazioni e cori, fascia il tutto con un’intensità rara; a niente conta che il cantante toscano non sia un tecnico delle pliche vocali, si tengano lontani i puristi del bel canto, la sua mira artistica è chiaramente rivolta all’espressività e al feeling e in ciò risulta sicuramente vincente.

Non mancano momenti estremamente orecchiabili come il riff di chitarra che accompagna l’opening ‘Fuori di me‘ o la strofa della bellissima ‘Nuvola‘.

Provocanti le metallosità della “CCCP-ana” ‘La preda‘ e veramente intenso il prog style di ‘Un filo d’erba‘, mentre la title track, folle e divertente con i suoi arpeggi impazziti dalle velocità innaturali e i ‘suonini’ arcade, s’impone come il pezzo più originale e surreale dell’intero album.

Stupenda ‘Delirio d’immortalità‘, uno dei pezzi più malinconici e viscerali (peccato per la dizione un po’ ‘spartana’ della voce narrante, un’interpretazione più professionale avrebbe reso sicuramente di più).

La timida voce di Elena Giachi, un po’ in secondo piano ne ‘L’ultima morte‘, fa intendere una cantante dalle grandi potenzialità vocali ancora inespresse.

Degno di nota il lavoro di programmazione di Fabio Lazzeri e Lamberto Salucco, ben al di là degli standard nazionali ai quali siamo abituati.

Le uniche note negative che mi sento di dare a questo concept riguardano l’artwork interno del cd: troppo risicato data la mole emotiva del lavoro che meritava un book più sostanzioso e, durante l’ascolto, una certa discontinuità nella cura dei dettagli probabilmente data da limiti oggettivi di produzione.

Metempsicosis è un viaggio da fare con calma, quando si è neutri con se stessi, aperti, emotivi, è un’avventura che catturerà chi alle produzioni hollywoodiane preferisce suoni ricercati, magari poveri ma mai casuali, chi, in generale, indaga tramite le sensazioni le radici delle cose, nature ormai sbiadite e corrotte, confuse fra di loro sui banconi della noncuranza moderna.

Perché in fondo, citando nuovamente Metempsicosis, “la pace è trovarsi“.

 

 

I commenti sono chiusi